Impara le lingue con i film

 

I film sono un importante strumento per imparare una lingua estera senza annoiarsi né farsi passare la voglia di apprendere. Consentono di praticare in rilassatezza, anche in compagnia, di unire l’utile al dilettevole ed imparare più velocemente.

Ovviamente il film deve essere uno di quelli che amiamo particolarmente o una serie tv che ci sta a cuore. Potrebbe trattarsi del Signore degli Anelli, di uno degli episodi di Harry Potter o Grey’s Anatomy. Meglio i film in cui viene usata la lingua attuale, quotidiana (anche se non è essenziale).

Ciò di cui abbiamo bisogno sono l’audio e i sottotitoli sia nella versione originale (v.o.) che in italiano. Questi andranno utilizzati in tutte le combinazioni a seconda del livello di conoscenza della lingua estera.

Per i principianti, consiglio di vedere prima il film in Italiano (va bene anche averlo già visto al cinema) e poi provare a vederlo in v.o con i sottotitoli in italiano. Mi sento di sconsigliare, a questo livello, di vedere direttamente il film in lingua originale, con o senza i sottotitoli perché si rischia di non capire praticamente nulla e di provare solo un senso di frustrazione che ci allontanerebbe dalla pratica e dallo studio, oltre a toglierci il divertimento.

Per gli intermedi, il film può essere visto direttamente in v. o., con sottotitoli in italiano e in v.o. (quindi va visto almeno due volte). Fermate il film e tornate indietro per rivedete le scene sottotitolate se state perdendo il filo o le battute non vi sono sufficientemente chiare. Prendete appunti: tenete blocco e penna pronti per scrivere espressioni che non conoscete o quelle che già conoscete e che sono utilizzate in contesti diversi da quello che vi è noto. A fine film, rileggete gli appunti presi sul blocco. Imparerete così nuove espressioni.

Nel caso di conoscenza avanzata della lingua, il film andrebbe visto direttamente in lingua originale, sia che lo si sia già visto in italiano o meno. Fermo restando che per alcuni film, ad esempio quelli in cui i dialoghi sono sussurrati o che fanno uso di un linguaggio arcaico (film storici), può essere utile ricorrere ai sottotitoli (meglio in v.o.). Anche in questo caso, prendere appunti sul blocco, come sopra descritto, è utilissimo per aumentare la conoscenza della lingua.

È certo che una volta che si è visto qualche film in versione originale, tornare alla versione tradotta in italiano diventerà innaturale. Vedendo i film in v.o., potrete sentire le vere voci degli attori e vi accorgerete che le traduzioni a volte non combaciano con i dialoghi della versione originale.

L’importante è non esagerare e non pretendere di capire tutto e subito. Anche per chi è ad un livello avanzato, può capitare di capire ben poco del film che vede, perché magari è in dialetto e non nella lingua standard. Vedete voi quando è il caso di utilizzare i sottotitoli, ed in quale lingua. Regolatevi a seconda dei vostri gusti, esigenze e livello di conoscenza della lingua.

Ribadisco quello già detto in un altro articolo: per migliorare la conoscenza di una lingua, è molto meglio vedere più e più volte lo stesso film che poche volte un gran numero di film.

Buon divertimento e buona pratica!

Risorse consigliate